Umani e bot condividono il web in egual misura, mentre l'intelligenza artificiale alimenta l'"internet morto".

6 maggio 2024
  • Un nuovo rapporto mostra che le fonti non umane sono responsabili di quasi 50% del traffico internet
  • I bot cattivi costituiscono quasi un terzo del traffico internet e l'intelligenza artificiale li sta rendendo più avanzati ed evasivi
  • L'intelligenza artificiale sta facilitando la creazione di semplici bot cattivi, dando credito alle teorie di internet morto

Il rapporto 2024 di Imperva Threat Research afferma che le fonti non umane, o bot, sono responsabili di quasi la metà di tutto il traffico Internet.

La "teoria dell'internet morto" è nata come una teoria della cospirazione postata su 4chan nel 2019, ma sta guadagnando credibilità con la proliferazione dei bot dotati di intelligenza artificiale.

La teoria sostiene due tesi: che la maggior parte del traffico Internet è generato automaticamente e che ciò avviene intenzionalmente per manipolare l'attività umana online.

Il ultimo rapporto da sicurezza informatica La società Imperva sembra confermare che la prima affermazione è vera, con i bot che rappresenteranno 49,6% del traffico Internet nel 2023.

Non tutti i bot sono cattivi. Dipendiamo dai web crawler come il bot di Google per indicizzare i siti web per la sua piattaforma di ricerca. ChatGPT è costruito su dati estratti da Internet da parte di OpenAIbot. Si discute ancora se debba essere classificata come buona o cattiva.

I bad bot sono agenti web automatizzati che gli attori malintenzionati utilizzano per commettere frodi, raccolta di dati o altre attività dannose. Secondo il rapporto di Imperva, 32% di tutto il traffico Internet è costituito da attività di bad bot.

I progressi dell'IA stanno portando la tecnologia oltre i confini dell'interfaccia di chat per assumere ruoli più ampi come agenti di IA. Questi agenti di IA sono in grado di interagire con i siti web per completare compiti utili che normalmente dovrebbero essere svolti dagli esseri umani.

Possono anche consentire ai bot cattivi di imitare i movimenti umani e i clic del mouse per eludere il rilevamento dei bot. Molti di questi bot sono in grado di sconfiggere le sfide CAPTCHA, sempre più rilevanti, per dimostrare che sei umano.

L'intelligenza artificiale rende tutto più semplice

Il rapporto ha rilevato un aumento sia dei bad bot avanzati che di quelli più semplici. Commentando l'aumento del traffico di bad bot, il rapporto ha osservato: "I livelli di traffico di bad bot sono aumentati per il quinto anno consecutivo, indicando una tendenza allarmante".

Il rapporto conclude che questo aumento è almeno in parte dovuto alla crescente popolarità dell'IA e degli LLM. L'accesso agli strumenti di IA sta abbassando la soglia di accesso per i malintenzionati che in precedenza non avevano le competenze necessarie per creare bot dannosi.

Il rapporto afferma: "La crescente adozione della tecnologia AI influisce sul volume dei bot maligni su Internet e sul loro livello di sofisticazione. Ha creato una netta divisione tra attori sofisticati con i mezzi e le risorse per distribuire bot maligni avanzati e quelli che si affidano a strumenti di base, come l'interrogazione dell'IA, per generare uno script bot".

Il risultato è che i bot cattivi semplici hanno rappresentato il 39,6% di tutto il traffico di bot cattivi nel 2023, rispetto al 33,4% del 2022 e al 26,3% di cinque anni fa.

Il rapporto di Imperva afferma che le API sono il bersaglio preferito dei bot maligni. Man mano che un numero sempre maggiore di aziende utilizza le API per accedere ai modelli di intelligenza artificiale per i propri chatbot, soluzioni di intelligenza artificiale aziendali o agenti di intelligenza artificiale, il rischio che bot malintenzionati sfruttino questi strumenti non potrà che aumentare.

Ci sono attori umani dietro questi bot automatizzati e cattivi. Forse non sono la cabala globalista immaginata dagli autori della teoria dell'internet morto, ma vogliono sfruttare e manipolare gli esseri umani.

I contenuti automatizzati sono destinati a superare quelli generati dall'uomo con musica, video di YouTube e influencer generati dall'IA. Stiamo persino vedendo account di AI sui social media che si impegnano con altri contenuti e account generati dall'AI.

Wikipedia si riferisce ancora alla teoria della morte di Internet come a una "teoria della cospirazione". Forse è nata come tale, ma sta rapidamente diventando una realtà alimentata dall'intelligenza artificiale.

Partecipa al futuro


ISCRIVITI OGGI

Chiaro, conciso, completo. Per conoscere gli sviluppi dell'IA con DailyAI

Eugene van der Watt

Eugene proviene da un background di ingegneria elettronica e ama tutto ciò che è tecnologico. Quando si prende una pausa dal consumo di notizie sull'intelligenza artificiale, lo si può trovare al tavolo da biliardo.

×
 
 

PDF GRATUITO ESCLUSIVO
Rimanere all'avanguardia con DailyAI


 

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e ricevi l'accesso esclusivo all'ultimo eBook di DailyAI: 'Mastering AI Tools: La tua guida 2024 per una maggiore produttività".



 
 

*Iscrivendosi alla nostra newsletter si accetta la nostra Informativa sulla privacy e il nostro Termini e condizioni